.INTEMPORALITÀ.

di Peter Henry Waterschoot

Berenice Abbott ha scritto: 'il fotografo è il contemporaneo per eccellenza; attraverso i suoi occhi il presente diventa passato». Questa frase ha giustificato la mia motivazione per iniziare a documentare, a metà 2010, la rapida scomparsa di piccoli hotel, motel, sale da ballo, ristoranti economici - "luoghi che sono ai margini o nascosti nel mezzo della città ". Sono gli eterotòpici del popolo, purtroppo sono anche il tipo di luoghi che fanno inutili i tentativi di rimanere invisibili agli speculatori immobiliari che portano palle da demolizione per chiudere un'era.

Questo punto di vista mi ha portato in numerosi viaggi, sparsi nell'arco di un decennio, verso diverse destinazioni. La mia valigia porta i simboli di Ostenda, Bruxelles, Amburgo, Colonia, Calais, Venezia, Osaka, Kagoshima e altro ancora.
L'idea è nata da una prospettiva europea, ma l'ho volutamente estesa al Giappone, un'isola dove futuro e passato convivono, un paese che di volta in volta, che si tratti di guerra, devastazione, disastro, è tornato alle sue origini proprio quando aveva bisogno di essere ricostruito, di avere un nuovo volto.

Dal 2010 ad oggi, la mia opera ha iniziato a condurre una vita propria. Non puoi guadare due volte lo stesso fiume; l'opera fotografica cambia l'uomo, e l'uomo cambia l'opera fotografica, è un perpetuum.
L’amore per la decadenza è entrato nel mio flusso sanguigno, o era già lì, piantato da Huysmans sotto forma del libro nero che leggevo da giovane?

Entrambe i miei libri ,“At the Skin of Time” e “Sunset Memory”, sono sbocciati sulle rovine del turismo e del tempo libero del XX° secolo, come le orchidee in natura.
Il mio dogma era lavorare dall'immobilità, durante i viaggi di 3 o 4 giorni, lasciando la mia stanza d'albergo solo per brevi passeggiate notturne. Disegnavo cerchi concentrici ripetitivi, in modo che nessun dettaglio mi sfuggisse. C'era una certa decadenza nella mia deliberata strategia di ritiro e scomparsa, lo ammetto, ma ciò spiega anche l'abbondante (ma studiata) presenza di dettagli, nature morte e studi di superficie nel lavoro fotografico che ho eseguito. La fotocamera scivolava lungo la trama delle cose rivelandone le tracce. Raccontava storie. Suggeriva.

01_wall.jpg

Il mio antiturismo intenzionale si è evoluto in un sovraturismo, sarebbero divenuti, quelli, dei viaggi spirituali.
I viaggi solitari erano un mix di fotografia e meditazione, in deconnessione con il mondo esterno e ultraconnessione con il proprio corpo. Un esercizio per diventare parte della carta da parati, parte del tappeto, parte dell'odore negli spazi. Il mio obiettivo era quello di far dissolvere la cornice del tempo e dello spazio: sperimentare l'intemporalità. I manufatti e le composizioni sono innescati dalla metafisica esistenzialista. Le mie materie prime sono: i confini della mia personalità che quando fotografo scavo a fondo. Come un attore di metodo mi trascino in uno stato agrodolce di malinconia e sensualità. Ma, non fraintendetemi, parto sempre con una mente giocosa e cerco di proteggermi dall'insoddisfazione nella vita.

Le dinamiche che nascono dallo scontro tra estetica e camp sono diventate il mio ultimo spazio di lavoro in cui prevale il colore. Colore e consistenza sono lì per evocare. A questo proposito, sono

consapevole che ognuno percepisce il colore in modo diverso, ben sapendo che la ricchezza di questa comunicazione con lo spettatore rende ancora più difficile la ricerca di colori profondamente carichi di emozioni. Le immagini sono un invito a uno sguardo cinematografico, un invito a riflettere, a sognare, a scivolare attraverso portali fotografici.
Trovo risonanza nei cromatismi artificiali di Querelle di Fassbinder, i Pinetrees of Hajegawa Tohaku - esempio da manuale del Ma - l'uso del vuoto in un'immagine come fonte di potere, e infine anche la prosa al neon di Philip K. Dick. Il taglio verticale nelle mie immagini dirige il mistero e collega passato e futuro, proprio come i rotoli cinesi. Lo spettatore può godere di questa scroll-art di immagini solo in presenza di altre due, una a sinistra che si arrotola e l'altra a destra che si srotola, sincronizzate. In questi rotoli, futuro e passato sono collegati ma puoi sempre vedere il presente solo come un'unica finestra verticale, collegata a un minuscolo pezzo del passato e un minuscolo pezzo del futuro. Che è più o meno come la vita reale.

'- Intemporalità - è tutto su come saltare avanti e indietro tra nostalgia e futurismo, in un'odissea per 'wabi sabi caricato elettricamente'. La mia fotografia porta elementi cinematografici nella mia vita. Fino ad oggi, la mia opera è una glorificazione dell'incompiuto, del romantico, del sognante, del selvaggio, dell'incontrollato, del raffinato. È un'elegia sulla trama, sul colore e sul viaggio solitario.

Peter H. Waterschoot

______

Dichiarazione dell'artista a corredo della mostra “Intemporalità” alla Fototeca Siracusana, Sicilia. Testo scritto a Balegem, Belgio, agosto 2021.

© Peter H Waterschoot - Intemporalità

FOTOTECASIRACUSANA