OPEN CALL

Eugenia Timoshenko

RUSSIA

DES RÊVES JAPONAIS

Eugenia Timoshenko, model and photographer,  lives in Istanbul and she has some artistic projects to realize in France, she is anchored in French culture. 

She's an artistic model and she posed for many renowned photographers, who are exhibited and who are recognized in the contemporary artistic world (Patrick Gomme, Bonze, Livio Morabito, Philip Bernard, Verner, Patrick Bories, Patrick Cockpit, Stephane Courtois, Alan Cat, Isaure Anska etc). 

 

Questo lavoro rappresenta un approccio surrealista e fantastico con la fotografia. Vediamo il corpo anonimo, come sradicato, deformato, che ci trascina nel dubbio sulla natura stessa di ciò che costituisce il nostro corpo fatto di carne. Questo corpo, rinnovato grazie alle metamorfosi della mia visione, colpisce la nostra immaginazione creando associazioni con le opere di Hans Bellmer o quelle dei fotografi giapponesi, pur rimanendo del tutto autentico. 

Su queste foto, spesso abbastanza buie,  il corpo emerge come un paesaggio percepito attraverso un' atmosfera enigmatica.

 

 (Ndr) Il corpo è forse l'elemento materiale che più ci lega alla nozione di tempo ed alla percezione del suo fluire come movimento (tempus fugit). Così la maschera che nasconde e protegge, è metafora di ciò che non ci è concesso sapere, come il tempo futuro che però, come una maschera, può trarre in inganno in nostri sogni.

 

 

This work represents a surrealist and fantastic approach to photography.We see the anonymous body as uprooted, deformed, which drags us into doubt about the very nature of what constitutes our body made of flesh. This body, renewed thanks to the metamorphosis of my vision, strikes our imagination by creating associations with the works of Hans Bellmer or those of Japanese photographers, while remaining completely authentic.

On these photos, often quite dark, the body emerges as a landscape perceived through an enigmatic atmosphere.

(Ed) The body is perhaps the material element that most binds us to the notion of time and to the perception of its flow as movement (tempus fugit). Thus the mask that hides and protects, is a metaphor for what we are not allowed to know, like the future time which, however, like a mask, can deceive our dreams.

 

FOTOTECASIRACUSANA

© 2014 - 2021 fototeca siracusana

largo empedocle,9 96100 - siracusa (Italy) -  CF 93087090895

  • Instagram - Bianco Circle
  • Pinterest - Bianco Circle
  • Facebook Clean