top of page

OPEN CALL

Valerii MIRHORODCHENKO
UKRAINE

LOGO%20EF5-QUADRATO_3%20copia_edited.jpg

AT THE EDGE

VALERII MIRHORODCHENKO is a young photographer member of MYPH collective – Mykolayiv, Ukraine 

 

Fin dalle prime storie dell'umanità, siamo confinanti con mondi diversi.

O gli dei dell'Olimpo, o i diavoli dell'inferno o mitici draghi. E in qualche modo siamo sempre stati diversi da loro, ma allo stesso tempo eravamo simili. Dopotutto, gli dei non erano sempre esaltati, ma non tutte le persone sono avide. Questa linea, dov'è?

Leggendo i miti delle diverse nazioni ed esaminando i fatti generalmente accettati, si può capire che ciò che ci unisce è l'amore, nelle sue varie manifestazioni. Dopotutto, puoi amare in diversi modi: amare con desiderio, amare ciecamente, amare come un bambino o un genitore. Ma un altro aspetto è la mancanza di amore. Molti eroi, proprio perché ne erano privi, sono passati ad azioni disperate. Ad alcuni non importava dove fosse la linea della vita e della morte. Ognuno ha agito come voleva e principalmente da quanto amore riceveva o portava in se stesso.

Dopotutto, Poseidone era avido di potere e di donne. E Nuiva, dalla mitologia cinese, a causa della solitudine ha creato la razza umana dall'argilla. Nel mondo slavo, Morana, sempre perseguitata, vagava perché portava non solo l'inverno ma anche la morte, quindi non trovava risposta nel cuore delle persone.

Ognuno di noi sta combattendo per qualcosa di nostro, qualcosa di personale. Questo è amore. Qualcuno sente la sua mancanza e per questo impazzisce. Qualcuno ne ha avuto così tanto che è diventato cieco. Qualcuno non l'ha visto e toglie ad altri l'opportunità di riceverlo. E c'è amore in ogni loro azione. Strano e sfrenato come la vita stessa.